Author: eccentric

Axel Straschnoy has been selected by m-cult for its spring Collaborative Media Arts Projects

Axel Straschnoy‘s project Recovered Utopias has been selected by m-cult for its spring Collaborative Media Arts Projects.

Straschnoy describes the work as follows: “Recovered Utopias connects some of the youngest with some of the oldest residents of Maunula in a collaborative project that provides the younger generations with a new way of looking at the future.
For Recovered Utopias I will take advantage of the high proportion of senior inhabitants in Maunula as well as the presence of a high school specialised in science—and with an interest in art—to bring two very different age groups together. High school students from Helsingin Matematiikkalukio will interview retired people (possibly but not necessarily from the Helander Foundation’s old people home) about the perceptions and ideas they had of Martian colonisation as children. During the project, they will work to create images that answer to the descriptions they have heard. These images could be produced, for example, as films (animated or shot) or as 3D printed models. The working process is not linear but implies the active collaboration of the interviewed people in a context of constant discussion.
In the process of transmitting their vision of Martian travel, the older participants will transfer some of their sense of wonder and expectation, some of the ideas of the future as a brighter place that we all need to build together.”

Recovered Utopias is part of Destination Mars, a long-term research project on the ideological world surrounding current plans for the colonisation of Mars. The project allows us to rethink Earth ecology, our understanding of urbanism and housing (including the social constructs they presuppose), the rise of a technocratic mindset, and the encounter with radical otherness in a way akin to Columbus’s discovery of America in 1492.

 

For more information on m-cult please click here.

For more information on Axel Straschnoy please click here.

Minority Report: The selected artist is Camilla Alberti.

Camilla Alberti, Landscape 7 (2016). Acrylic on canvas, 100 x 80 cm.

ECCENTRIC Art & Research is pleased to announce that the second artist selected for Minority Report is Camilla Alberti.

After receiving her high school diploma, she attended the Faculty of Philosophy at the University of Milan for one year, at the same time that she started to get interested in contemporary art. In 2014 she leaves the studies in philosophy to enroll in NABA (Nuova Accademia di Belle Arti di Milano), where she is about to obtain her BA. She also collaborates with an art critic since then.

Minority Report, is a section dedicated to showcasing young, talented and promising artists. Artists who despite of being at the very beginning of their careers already evidence great potential: A glimpse of, and a bet on the future.

For more information on Minority Report and Camilla Alberti please click here.

Carlo Gambirasio has joined ECCENTRIC Art & Research.

Macchina della pioggia (2016). Projector, stainless steel, hydraulic pump, refrigeration system, light bulbs, software, basins, iron tripod; 200 x 70 x 70 cm.

We are delighted to announce that ECCENTRIC Art & Research now represents Carlo Gambirasio.

Carlo Gambirasio has obtained a BA in Visual Arts from NABA, Nuova Accademia di Belle Arti di Milano, and is now pursuing an MA in Visual Arts and Curatorial Studies at the same institution.
He has performed at the Theatre of Learning, curated by Marco Scotini (2015), and his work has been showcased at MACAO, Spazio Current, Milano and La Triennale di Milano (2016).
He was the first artist chosen for the Minority Report section, and his works were featured in Naturalia et artificialia in October 2016.

Gambirasio’s research is focused on technology in a very broad sense, and the use one makes of it for creating alternative realities. His works often consist in devices imagined and built by the artist with the aim of reflecting on a specific concept, and on the rules and logics of artificial worlds.

For more information on the artist please click here.

Sarah Ciracì partecipa alla mostra EFFIMERA che inaugura il 18 marzo presso il MATA Modena.

EFFIMERA Suoni, luci, visioni

Carlo Bernardini, Sarah Ciracì, Roberto Pugliese

a cura di Fulvio Chimento e Luca Panaro

18 marzo 7 maggio 2017
MATA | Manufattura Tabacchi Modena

 

 Comunicato stampa:

Inaugura sabato 18 marzo alle ore 18.00 al MATA di Modena una nuova edizione di Effimera – Suoni, luci, visioni, a cura di Fulvio Chimento Luca Panaro e in collaborazione con la Galleria Civica di Modena, che quest’anno propone opere di Carlo Bernardini, Sarah Ciracì e Roberto Pugliese. La mostra è realizzata con il supporto di Coptip e del Gruppo Fotografico Grandangolo BFI.

Effimera giunge dunque alla sua seconda edizione, coerente con l’intento dichiarato dai suoi curatori già nel 2016: individuare e valorizzare artisti, preferibilmente italiani e con esperienza all’estero, che fanno dell’utilizzo avanzato della tecnologia la cifra stilistica del proprio lavoro. Un evento espositivo che si propone quale indagine critica in relazione alle ultime tendenze artistiche caratterizzate dai “Nuovi Media”, momento di crescita e di aggregazione a livello nazionale intorno a parole chiave quali arte, tecnologia e comunicazione.

Nel 2016 Effimera aveva individuato il suo punto focale nel web, inteso come strumento di conoscenza artistica e relazionale grazie alla presenza degli artisti Eva e Franco Mattes, Carlo Zanni e Diego Zuelli. La nuova edizione si concentra sull’analisi della componente immateriale che è caratteristica della ricerca artistica dei nostri giorni, che trova trasposizione (e sintesi) all’interno di un percorso espositivo che prevede la creazione di un viaggio sensoriale interno alle tendenze artistiche recenti.

Nel 2017 i curatori hanno dunque strutturato i 500 mq del MATA in tre ambienti distinti. Punto di partenza di questo “attraversamento” è costituito dalla ricerca sonora del sound artist Roberto Pugliese, mentre l’approdo si identifica nelle installazioni luminose in fibra ottica di Carlo Bernardini, dipanando il percorso fra le immagini fluttuanti degli affreschi digitali di Sarah Ciracì.

Effimera – Suoni, luci, visioni è costruita intorno a un percorso spiccatamente immersivo, ideato e strutturato appositamente sul MATA: tre imponenti installazioni ambientali, separate ma contigue, marcano una distinzione linguistica e temporale, e al tempo stesso suggeriscono una linea di continuità all’interno del percorso evolutivo dell’arte. Arte intesa come esperienza totale e totalizzante, in grado di stimolare l’intelletto, ma anche di innescare un corto circuito a livello sensoriale.

Per rimarcare le distinte peculiarità d’approccio i curatori hanno coinvolto artisti appartenenti a tre generazioni differenti, nati rispettivamente negli anni Sessanta, Settanta e Ottanta, che riflettono altrettanti modi di intendere l’interazione tra arte e tecnologia. Il fil rouge che contraddistingue Effimera è sempre rappresentato dall’intento di indagare l’arte attraverso le sue componenti immateriali, al fine di far luce sullo statuto attuale dell’opera. I lavori degli artisti di ultima generazione, infatti, si caratterizzano per la spiccata componente effimera legata al procedimento artistico che rispecchia l’epoca nella quale viviamo. Non a caso il nome della rassegna si ispira anche a quello della specie animale che ha vita più breve sulla terra, l’Ephemera, un piccolo insetto acquatico (simile a una libellula) la cui esistenza dura all’incirca un’ora e mezza. Altro assioma fondante di Effimera è il constatare come l’unicità dell’opera non sia più un assunto dell’uomo contemporaneo: grazie alle tecnologie di cui disponiamo, ogni copia è riproducibile con la medesima qualità, e quindi è sempre potenzialmente identica all’originale.

Fa da corredo a Effimera un ricco calendario di incontri collaterali che prevede la presenza degli artisti coinvolti, ma anche di filosofi ed di esperti del settore “arte e tecnologia”.

Per maggiori informazioni sulla mostra si prega di cliccare qui.

Per maggiori informazioni su Sarah Ciracì si prega di cliccare qui.

 

Axel Straschnoy’s VR film The Detective trailer is now online, please check it out!

The Detective will be featured at ARS17 in Helsinki; and in Straschnoy’s solo exhibition Immersive Worlds at ECCENTRIC Art & Research in Milan in October 2017.

Also, Kiasma has recently announced the new acquisition of artworks for its collection.  Axel Straschnoy’s virtual reality film The Detective  is now part of the collection of the Finnish National Gallery.

To see the trailer on ARS17 website along with the other selected artists please click here.

For more information on Kiasma’s acquisitions please click here.

For more information on Axel Straschnoy please click here.

Jamie Allen will be participating of the CAA Annual Conference in New York on February 15.

Jamie Allen, #rocks (2014). Multi-channel sound installation. Installation view at Neue Nationalgalerie, Berlin.

ECONOMIC FAIRNESS IN THE DIGITAL ERA AND THE NEW AESTHETICS OF INTERNET ACTIVISM

This panel will discuss and reflect upon the new technological tools for intervention in the flows of capital and the different aesthetic strategies that are used to raise awareness of the question of economic fairness. The recent disclosures of tax evasion and corruption in the Panama Papers and the collusion of politician and high finance exacerbate further tension between the public perceptions of fairness and the practices of the banking industry, a tension that has been rising ever since the financial meltdown of September 2008. In response to the opacity of the flows of money and the concentration of the control of the monetary system in the hands of a few banks and government, activists and hackers have developed a mixture of strategies of uncovering through leaks, hacks, and by building alterative structures of circulation like the block chain and the wiki.

Chair: Stacy Miller, Parsons School of Design, The New School

Speakers:
Jamie Allen, Artist/Researcher
Matthia Tarasiewiez, Curator, Researcher, and Technology Theorist
Georgios Papadopoulos, Economist

Time: 02/15/2017: 10:30AM–12:00PM
Location: Gibson Suite, 2nd Floor (Media Lounge)

This Media Lounge program is free and open thanks to the support of the NEA and SAC.

For more information on the conference please click here.

For more information on Jamie Allen please click here.

Axel Straschnoy’s VR film The Detective is now part of the collection of Kiasma Finnish National Gallery.

Kiasma has recently announced the new acquisition of artworks for its collection.  Axel Straschnoy’s virtual reality film The Detective  is now part of the collection of the Finnish National Gallery.

The Detective will be featured at ARS17 in Helsinki; and in Straschnoy’s solo exhibition at ECCENTRIC Art & Research in Milan in 2017.

For more information on Kiasma’s acquisitions please click here.

For more information on Axel Straschnoy please click here.

Lecture: Gabriela Galati interverrà al workshop “Da grande farò il curatore” presso il Museo Tornielli.

Da grande farò il curatore
Workshop per curatori e operatori culturali
Dal: 17 febbraio 2017 al: 19 febbraio 2017
Museo Tornielli, Ameno.

Programma completo del corso

Asilo Bianco presenta la terza edizione del workshop per curatori e operatori culturali Da grande farò il curatore.

Quest’anno verrano analizzati e discussi i temi dell’arte relazionale, intesa come esperienza, processo, seme generativo in grado di far germogliare la cultura di un territorio.

Interverranno:

Chiara Bertola, Daniela Bigi, Otto Bugnano, Gaspare Caliri, Alessandro Carlorosi, Anna Detheridge, Aurora Fonda, Gabriela Galati, Gianni Garzoli, Emanuela Genesio, Roberto Lambarelli, Alessandra Pace, Florinda Saieva, Gabi Scardi, Lorena Tadorni, Marco Tagliafierro, Paolo Volorio.

L’intervento di Gabriela Galati tratterà di relazioni nello spazio elettronico e curatela:

Ken Hillis fa una distinzione tra lo spazio assoluto come un concetto atto ad essere formalmente descritto nel contesto della fisica, matematica e filosofia,  e lo spazio relativo e relazionale come uno spazio che ha  una carica più simbolica e rituale che può essere assimilata alla definizione di luogo (place); cioè,  una concezione rituale della spazio come “il terreno comune per stare insieme”. A sua volta Lev Manovich esplora le definizioni di spazio nella storia dell’arte per arrivare alla conclusione che anche se noi percepiamo lo spazio virtuale rappresentativo come descritto da Erwin Panofsky – omogeneo e continuo – lo spazio generato al computer è in realtà un aggregato di oggetti sparsi in un “vuoto”. Così si vuole proporre lo spazio elettronico come la denominazione che veicola meglio la comprensione del digitale indipendentemente dalle questioni della rappresentazione. Di conseguenza, lo spazio elettronico è una sorta di luogo, di spazio pubblico in cui la prossimità è spesso concettuale, o psicologica, sempre mediata, e non necessariamente, anzi di rado, fisica. In questa presentazione, si cercherà di riflettere su alcune particolarità dello spazio elettronico non solo nelle pratiche artistiche contemporanee ma anche in quelle culturali in generale, e di proporre una discussione sull’importanza di evitare le concezioni di rappresentazione tradizionali, e le dicotomie reale/virtuale, new media/traditional media anche, o soprattutto, nella pratica curatoriale.

Orari

Venerdì 17 Febbraio // 21.00 > 23.00
Sabato 18 Febbraio // 9.30 > 18.00
Domenica 19 Febbraio // 9.30 > 17.00

Per ulteriori informazioni:
segreteria@asilobianco.it
www.asilobianco.it
tel. 320 9525617

Tomislav Brajnović’s exhibition “Armageddon strisciante, dittatura dell’amore” opens at the Museum of Contemporary Art of Istria.

b72009d1-6073-4bb5-affc-6701b53835f4

Tomislav Brajnović’s solo exhibition “Armageddon strisciante, dittatura dell’amore” opens on January 27, 8.30pm at the Museum of Contemporary Art of Istria, Pula.

The exhibition will be open through March 2, 2017.

Museum of Contemporary Art of Istria

Sv. Ivana 1, 52100 Pula
Tel: 052 351 541
E-mail: msui(at)msu-istre.hr
www.msu-istre.hr

For more information on the artist please click here.

 

Il catalogo di Naturalia et artificialia è ora scaricabile dal sito di ECCENTRIC Art & Research

Mentre prepariamo la nostra prossima mostra, potete sfogliare e scaricare il catalogo di Naturalia et artificialia in versione digitale dalla nostra pagina (per il momento, in italiano, in English coming soon!):

Scaricare direttamente / direct dowload

Sflogliare sulla pagina / browse on website